pattinaggio artistico a rotelle

Pattinaggio, l’età giusta per iniziare

Su yahoo answer ho trovato un sacco di gente che chiede quale è l’età giusta per iniziare pattinaggio artistico.
Mi è anche capitato di scontrarmi + volte con altri bloggher (papà e mamme) un po’ troppo pomposi e troppo gonfi dei successi delle figlie che considerano questo meraviglioso sport come “se lo fai allora lo fai xche devi vincere altrimenti a che serve?”

Anche una lettrice, giusto oggi, mi ha mandato un commento proprio per sapere se poteva riprendere questo sport a 26 anni dopo vari stop e nuovi inizi a + riprese.

Allora vediamo se riesco a fare chiarezza (in primo luogo con me stesso)

Ho iniziato pattinaggio artistico a rotelle alla assurda età di 26 anni
anche perchè prima dei 12: “devi assolutamente fare nuoto ti fa bene vedrai che spalle larghe che ti vengono” (boh!)
Sia chiaro che ho sempre odiato l’acqua con tutte le mie forze, ma un bambino non ha preferenze, per i genitori fa sempre e solo i capricci, beh ora dopo alcuni anni di nuoto se mi buttate in acqua riesco a nuotare praticamente come un ferro da stiro

Poi dopo quei terribili anni mi sono ritrovato questa cosa della dismorfofobia attaccata dietro la schiena con gli artigli come un gatto rognoso!

Appena no avuto la forza ho iniziato a fare quello che di + amavo fare. PATTINARE. Prima sui roller (freestyle ma niente rampe) ed anche qui tardi perchè: “è pericoloso sui roller puoi cadere” (hey che novità, sui pattini si cade!) quindi prima dei 15 non si è visto nemmeno l’ombra di un cuscinetto. Anche perchè dovevo ancora imparare a nuotare! (possa gelarsi il mare così ci pattiniamo sopra)

Adesso con appena 20 anni di ritardo mi trovo a fare pattinaggio artistico a rotelle.
Il 15 settembre 2010 è la data del mio “compleanno in seconda” compirò 3 anni.
Saranno 3 anni che ho messo i pattini per la prima volta in assoluto ed ho provato in una pista vera.

All’inizio è stata una cosa tremendamente dura, dovevo farmi una violenza non indifferente ogni volta per andare.
E come se non bastasse mi trovavo in pista a fare gli esercizi che facevano quelle dei primi passi (6-8 anni) . Salti girati, plastiche, egiziane…
Era estremamente imbarazzante e triste specie grazie ai vari genitori che se ne stavano sugli spalti a ridersela di gusto.(e secondo me è scattata anche qualche scommessa) (grazie a dio poi cambiai società)

Purtroppo per me mi piaceva pattinare.
Mi piaceva tanto allora così come mi piace adesso!
Pattinare era quello che avevo voluto e che desideravo (anche se di fatto prima non lo sapevo),  questo mi bastava per far passare in un fastidioso secondo piano tutte le torture di trovarmi li alla mia età con le ruote frenate a fare gli esercizi che facevano le bambine di 6. (anche loro con le ruote frenate)

NON ESISTE ETA’ GIUSTA PER PATTINARE!
Sarebbe come chiedere quale è l’età giusta per iniziare a sognare… Oppure quale è l’età giusta per decidere in che modo cercare di essere migliori.
Il pattinaggio è uno sport durissimo:

Lo è per le mie compagne di squadra che cadono e in lacrime si vanno a far mettere il ghiaccio spry dalle mamme negli spogliatoi e poi le vedi 10 minuti dopo ancora in pista rientrate chissà quando che non te ne eri nemmeno accorto. Rientrate per combattere con i denti e con tutto il cuore ancora a disposizione dopo la caduta per perfezionare quel salto.

Ho visto ragazze di 14 anni rompersi braccia dopo una brutta caduta e versare solo qualche lacrima.
Ho visto ragazze di 14 anni venire ogni giorno per un mese agli allenamenti con la tuta della società,  la borsa con i pattini dentro ed un braccio rotto ed ingessato, pieno di firme che le auguravano di tornare presto in pista
Queste persone venivano ogni volta perchè non potevano stare lontane da una pista troppo a lungo. Questa gente si comporta così perchè ama questo sport.
E credetemi non sono casi isolati!

Ora di fronte a tutto questo, davanti a tutta questa passione, ha davvero importanza QUANDO si comincia?!
Se ami davvero qualcosa ha davvero importanza QUANDO inizi ad amarla!?
L’unica cosa che conta che quello che fai ti fa sentire vivo. Conta che quello che fai ti rende in qualche modo migliore, conta che quello che fai ti ricorda come volerti più bene.
E’ vero, il corpo deve adattarsi ed i bambini sono + flessibili. (lo so bene dopo essere finito 2 volte in ospedale a causa di cadute varie) ma cosa importa?
Noi tutti pattiamo per amore.
Pattiniamo perchè vogliamo che quel tre esca perfetto, pattiniamo perchè vogliamo che  quel doppio axel abbia un uscita impeccabile. Pattiniamo perchè vogliamo che quella trottola sia più forte, più veloce, migliore, pattiniamo…. allenamento dopo allenamento.

Non esiste un età giusta, che definisce quando una passione sia matura.
Se qualcuno si chiede se vuole pattinare e se quello che ti frena è l’età, allora sta cercando una mera scusa.
Non lo vuoi abbastanza (e non c’è niente di male in questo magari viene meglio nuoto, pallavvolo, basket, ciclismo, o qualcosa di + statico tipo scacchi, bridge, poker…) ma se vuoi pattinare davvero allora fallo!

TUTTI SIAMO NATI LIBERI, ANCHE DI PERDERCI IN UNA PASSIONE PER UNO SPORT STRANO E DIFFICILE COME IL PATTINAGGIO

Come il mio flip,  è storto e puntato male, ma noi che abbiamo iniziato a 26 anni… abbiamo comunque volato! Ed è questo che da valore alla persona, non un trpiplo lutz eseguito perfettamente, se poi chi lo esegue è uno stronzo, non sarà mai un gande pattinatore

giorgio addominali + nanna (e forse anche + yogurt dipende…)


34 Responses to “Pattinaggio, l’età giusta per iniziare”

  1. bia says:

    noi che abbiamo iniziato a 26 anni… abbiamo comunque volato!
    si è davvero come volare 😀
    e poi vado fiera di praticare uno sport che fanno in 4 gatti , ti fa sentire speciale , unica .

  2. Martina says:

    Belloooooooooooooooo…………..!!!!!

  3. Eleonora says:

    Bel post. Ho appena finito di leggerlo e sto ancora riflettendoci su..Ele commossa. Bye

  4. Giorgio says:

    ^^ dai addirittura commossa… gio imbarazzato e non sa cosa rispondere. Ecco….

  5. Eleonora says:

    Haha ma tranq, commossa perchè mi ha fatto pensare a quando pattinavo tutto qui ecco..

  6. Déjà vu says:

    Grazie davvero! Solo ultimamente ho scoperto questo…Forum? Blog? Dispensatore di consigli! E mi sono subito appassionata.
    …Leggendo questo post specialmente mi sono resa conto di quanto tempo stia perdendo facendomi problemi inutili, mi passano ancora i brividi ripensando a quello che hai scritto -Se ami davvero qualcosa ha davvero importanza QUANDO inizi ad amarla!?… dopo essere finito 2 volte in ospedale a causa di cadute varie ma cosa importa?
    Noi tutti pattiamo per amore. – Mi hai davvero aperto gli occhi è la passione che muove tutto…
    Ti sono davvero grata. Grazie.

  7. Giorgio says:

    e commenti come questo mi commuovono, seriamente… Grazie a te! Davvero… sono senza parole…

  8. Giorgio says:

    cameratismo a rotelle!!! XD

  9. Alex says:

    Ciao ragazzi,
    pensate che io ho iniziato a pattinare su ghiaccio da due anni e sui pattini in linea ho iniziato solamente da 10 mesi. Ho pattinato sulle ciclabili di mezzo nord Italia e parecchie volte anche in Austria ed il Slovenia. Che cosa c’e’ di strano? Ho solamente 42 anni!

  10. Giorgio says:

    forza cavolo! bisogna sostenersi a vicenda!!! ^^

  11. laura says:

    ciao a tutti,
    io ho 28 anni ed ho iniziato a pattinare ad aprile, pattinavo quando ero piccola, ma a mia memoria, non avevo mai saltato. Ora sto tentando disperatamente il flip! Ho veramente ritrovato una passione enorme e mi pento di non aver ripreso prima. 10 anni fa andai a sbirciare la mia vecchia pista ma non ebbi il coraggio,vidi tutte le bimbe e pensai “che faccio qui??!”. Mi sentivo fuori posto.
    Poi in un giorno di solitudine, ho messo i pattini di una mia amica e ho pensato “non ce la faccio più!devo ritornare..”. E’ stata una cosa meravigliosa. Ogni volta che mi alleno è una cosa meravigliosa.

    Devo ammettere che alle volte mi sento un pò vecchia -.- ….ma è bello poterlo condividere qui con voi!

  12. Giorgio says:

    Laura, fatti forza, sono sicuro che qualcosa si muoverà presto. C’è un sacco di gente che ha iniziato tardi, tantissime persone hanno avuto i loro sogni spezzati da trasferte universitarie, lavoro obbligato, trasferimenti per varia natura, oppure hanno volontariamente smesso perchè sono entrate in maternità. Ma i bimbi crescono, i lavori si cambiano, e quando ci si trasferisce dopo poco ci si sente nuovamente a casa. E’ pieno di gente che ha il diritto di pattinare che ha il dovere di inseguire i propri sogni anche se l’età non è più quella di una volta. Si possono fare ancora tutti i salti e tutte le trottole (dannata abbassata tu sia maledetta) quindi, come avevo detto, non sei vecchia per poter portare avanti i tuoi sogni. Continua a passare di qui, aggiornerò un post entro oggi, promesso XD

  13. laura says:

    grazie! il tuo blog è molto carino 😉

  14. Sweety says:

    Ciao a tutti ^^Ma che meraviglia leggere tutto questo in un momento di sconforto…meno male che ci siete voi!!
    Ebbene..che ci faccio qui?
    Anch’io faccio parte delle”anzianotte su 4,anche 8 ruote”,e amo il mio sport come non mai.
    Cosa c’è di strano?Beh,io ho praticato questo sport per ben 7 anni,fino ai 17,dove ho dovuto fermarmi causa frattura..(causa toeloop)beh da li in poi sembrava non ci fosse più spazio per il mio grande amore che si chiama pattinaggio:
    la maturità(diploma),i problemi,l’università,le spese,la vergogna di tornare in pista,con persone molto più giovani di me,che sicuramente ne sapevano almeno il doppio di me,è riuscita a bloccarmi per ben 5 anni.
    E ora?
    Che fare dei propri sogni a 24 anni?E a 30?O a 40?
    Che differenza c’è tra qualsiasi altro amore,qualsiasi altro sogno?Cosa c’è di più meraviglioso di un brivido al cuore regalato dall’inebriante voglia di volare su rotelle che solo noi conosciamo?(tranne i cugini pattinatori sul ghiaccio :)
    Ecco…tutto ciò,inclusa la mia bravissima allenatrice,mi hanno spinta al di la dei miei desideri.Ed eccomi qui,insieme a bambine e ragazzine,qualche caduta e qualche trionfo,a coltivare un sogno comune.
    Forza gente!!!!!!!!!!!!!!

  15. Cami-wildhorse says:

    Iniziare a 26 anni, o re-iniziare a 24, poco cambia. Poco, però qualcosa cambia. La necessità di costruire su macerie. Aver iniziato a 3 anni, prima ancora di imparare a correre degnamente, e finire a 17, colma di frustrazioni e di fratture, menischi inesistenti, legamenti staccati, tendini lesionati, ali stropicciate. Passare anni a fare altro, a cercare la tua strada lasciando quei pattini sulla mensola più alta a prendere la polvere. La strada la trovi, ma è lunga e tortuosa e ti lega indissolubilmente a terra, a volte ti trascina in pozzi di depressione. Poi una sera senti una pulsazione impercettibile, come un cuore che batte, ascolti la radio e contrai involontariamente tutti i muscoli, al semaforo chiudi gli occhi e non ci puoi fare niente, rivedi quel disco che mille volte hai provato, rivedi quel salto che ti faceva dannare, e quel cuore batte più forte, più veloce.
    E’ una dannazione quella del pattinatore, perchè se tale nasci tale resti a vita, non importa quando scopri di esserlo, non importa quante volte provi a rinnegarlo, prima o poi si torna in pista. Tutto dipende da quanto resisti al richiamo di quelle ali.
    Il giorno dopo ho cercato la palestra più vicina alla mia casa da studente, e alla sera avevo già i miei pattini ai piedi. Devo fare i conti con 7 anni di inattività, la tecnica arrugginita, 20 kg di grasso in più, i muscoli ormai inesistenti e una paura fottuta di farmi male ancora, o di non farcela, chissà se le ginocchia reggeranno. E’ dura doversi confrontare con quello che una volta mi veniva così naturale, senza grosso sforzo, e che ora mi sembra di una difficoltà inaudita. Dopo il primo allenamento ogni muscolo dagli addominali in giù è rimasto bloccato per tre giorni, al secondo allenamento una vescica grande come una noce sul piede è esplosa, al terzo stiramento inguinale…lunedì il quarto, chissà che vada meglio. Però è dura doversi confrontare con le proprie aspettative; e scontrarsi ogni giorno con i consigli, neanche poi tanto sconsiderati, di amici e parenti, di lasciare perdere, che non ho più l’età ne le articolazioni adatte. Forse è vero, ma le mie ali le rivoglio, costi quel che costi.
    Grazie per questo blog, mi aiuta davvero a non sentirmi fuori luogo in pista….tienilo vivo 😉

  16. Giorgio says:

    siete voi, con i vostri commenti, le vostre speranze che lo tenete vivo. Farò il possibile hai ragione ultimamente lo sto trascurando. Se ha aiutato anche una sola persona questo blog ha raggiunto il suo scopo. Ma non per questo potrebbe aiutarne ancora. Non siamo soli, non sei sola, non mollare.
    E non farti fregare dalle aspettative… e come ho scritto nell’ultmo post, devi voler bene anche a quello che non viene!

  17. eleonora says:

    ciao!
    mi chiamo Eleonora e ho 26 anni, ho sempre voluto pattinare sul ghiaccio ma non ho mai potuto perchè nella mia città non c’è un palaghiaccio e lo studio mi ha sempre tenuto lontana dallo sport(tranne 3 anni di danza classica e un pochino di ginnastica artistica). sono pianista per cui ho sempre dovuto studiare sia liceo che conservatorio e poi conservatorio e università.la musica è l’altra mia grande passione per cui non mi pento di quello che ho fatto ma non ho mai avuto tempo per fare pattinaggio.sono però 5 anni che frequento l’università in una città in cui so esserci un palaghiaccio ma non ho mai avuto il coraggio di iscerivermi proprio a causa del pensiero “sono troppo grande, mi prenderanno tutti in giro” per cui ho sempre ripiegato su altri sport tipo nuoto o palestra che però non mi danno nessuna gioia o soddisfazione, ovvero al pensiero di dover andare, ancora prima penso “che palle” .
    so pattinare sui roller e anche sul ghiaccio ma senza fare niente di speciale per cui ancora mi sento frenata e non so se iscrivermi o no ad un corso.non aspiro assolutamente a fare gare o altro, vorrei solo imparare per pura passione ma l’altra mia grande paura è di farmi male a dita o braccia, cosa che potrebbe compromettere la mia attività pianistica. Perciò, davvero, non so cosa fare.

  18. Giorgio says:

    Potresti farti male anche cadendo dalle scale e smaterializzarti i gomiti ^^ scherzo.
    La domanda che forse dovresti porti è ben altra…. Si tratta di una effettiva paura dettata dall’istinto di proteggere la tua attività al piano, oppure è una scusa per non iscriverti a nessun corso e procrastinare ulteriormente?
    e poi perchè non vuoi fare le gare? guarda! http://www.youtube.com/watch?v=kYOL-WWA0hY Si tratta di un mio amico pattinatore sul ghiaccio durante una gara. quando ha iniziato a pattinare aveva oltre 30 anni. Puoi leggere una intervista proprio a lui e al “problema dell’età” qui http://www.figureskater.it/blog/?p=397
    Puoi fare quello che vuoi, tutto quanto, a patto che tu lo voglia davvero!!!!

  19. eleonora says:

    è vero potrei farmi male anche così ma sicuramente pattinando alzo di molto le probabilità…comunque grazie di avere risposto,nel frattempo ho contattato il palaghiaccio e mi han detto che devo fare un test d’ingresso per poter accedere al corso…tu sai per caso in cosa potrebbe consistere questo test?

  20. Giorgio says:

    non ho idea di come funzionino i corsi di ghiaccio, mi dispiace. Probabilmente devono capire le tue abilità e vedere in quale corso di quale livello metterti… nel ghiaccio tutto è schedulato e tabellare.
    Magari fosse tutto così chiaro anche da noi nelle rotelle. Questa è una grande pecca effettivamente.
    Per quanto riguarda il farsi male…. hai ragione, ma si tratta di fare un patto, una sorta di contratto…. si accetta il rischio delle cadute e degli infortuni ma di ritorno si ha il pattinaggio, e le trottole e i salti e ballare con la musica, e si insomma…. il pattinaggio ecco… ^^
    PS: per il nuovo disco stavo pensando a “divenire” di Einaudi (a proposito di pianoforte…)

  21. Io ho 12anni e l’ anno prossimo inizierò a immegermi in questo mondo fantastico .

  22. Giorgio says:

    forza eli, siamo tutti con te! :)

  23. Nadia says:

    Ciao.
    Mi sono imbattuta in questo post per caso. Stavo guardando le foto della figlia della mia collega che fa pattinaggio artistico a rotelle e mi sono messa a curiosare in internet. Ho 29 anni ed ho sempre rinfacciato ai miei da piccola che “mi hanno costretta a fare nuoto” e non mi hanno mai fatto fare pattinaggio a rotelle (o, in alternativa ginnastica ritmica ^_^ ) quando ero piccola. Con la scusa che abitavamo in un paese e mia mamma, all’epoca, aveva una macchina sola non mi hanno mai portato. Ho fatto solo un breve corso da piccolina dove ho imparato ha fare l’angelo e niente di più, ma ogni volta che ho potuto ho infilato i pattini, compresi quelli da ghiaccio. Niente salti purtroppo, ma gli occhi aperti ad ammirare i pattinatori quando ci sono i galà in tv ancora oggi. Leggendo questi post ho avuto il coraggio di inviare una mail alle due scuole di pattinaggio che ci sono qui ad Asti per sapere se insegnerebbero anche agli adulti…Non so se mi risponderanno affermativamente, ma la speranza è l’ultima a morire ed in caso contrario pattinerò solo su strada.

  24. Giorgio says:

    Ciao nadia, ben approdata! spero davvero che ti rispondano. Il problema è continuare a non mollare. Conosco personalmente ottime pattinatrici che hanno iniziato persino dopo di te (parliamo di 40 anni e più) che nonostante tutto riescono a saltare. Quindi non mollare, se questo è quello che voi, continua così, e se non ti rispondono vacci a parlare di persona. Le mail lasciano sempre il tempo che trovano. Fatti vedere, e fagli capire che pattinare è quello che vuoi davvero! Forza Forza!!!!

  25. Claudio says:

    scopro con piacere questo blog.. vedere ragazzi e ragazze che tentano il pattinaggio verso i trent’anni mi fa sentire più vicino e mi piacerebbe conoscervi dal vivo, in particolare quel ragazzo di 26 anni che si è buttato anima e corpo in questo bellissimo sport.. non pattino da tanissimi anni colpa anche di una certa filosofia di molte società che non accettano di insegnare a persone adulte perchè schiave di una certa mentalità sportiva piuttosto selettiva.. per quanto mi riguarda ho 42 anni, ho fatto tanti sport.. mail brivido che mi da i pattini non me l’ha dato nessun sport

  26. Giorgio says:

    intendi dire me? io ho iniziato a 26 anni, sono anche l’amministratore del blog. Piacere di conoscerti :)

  27. Antonella says:

    Ciao a tutti, finalmente ho trovato l’incoraggiamento che cercavo!
    Mi chiamo Antonella, ho 35 anni e sono la mamma di Vittoria da quasi quattro anni.
    Qualche giorno fa ho deciso di iscrivere la mia bambina ad un corso di pattinaggio artistico (forse perché vorrei che lei potesse arrivare dove io…). Quando l’ho accompagnata e sono entrata in palestra con lei è stato come ritornare a circa venti anni fa quando il pattinaggio era tutto per me.
    Io ho iniziato a pattinare a 6 anni, ma ho dovuto smettere a 14 perché la scuola di pattinaggio che frequentavo è stata chiusa ed i miei genitori non avevano la possibilità di portarmi in un’altra scola molto distante dal paese in cui vivo. Non ho mai accettato questa decisione e per 20 anni mi sono
    sempre rammaricata di non poter riprendere questo sport, e adesso che avevo ormai chiuso questo sogno in una “cassaforte” mi si presenta forse un’altra occasione?
    Ho chiesto all’insegnante di mia figlia se anch’io avrei potuto iscrivermi al suo corso e le mi ha risposto di si e che è un’ottima attività fisica da svolgere anche a questa età.
    Stamattina ho tirato fuori i miei vecchi pattini e li ho messi ai piedi ( mi calzano perfettamente e sono ancora in ottime condizioni) e per l’emozione avevo quasi le lacrime agli occhi.
    Pensavo che non sarei riuscita neanche a stare in equilibrio ed invece riuscivo a pattinare con una certa scioltezza ed a compiere anche gli esercizi più semplici.
    E ora? Devo trovare il coraggio di presentarmi in quella palestra e di mettermi in gioco tra le risatine dei bimbi e dei ragazzini che ovviamente ne sanno cento volte più di me.
    Buona notte

  28. francesca says:

    Credo fermamente che il caso non esista….ed anche questo blog che ho scoperto pochi minuti fa conferma la mia filosofia di vita…mi chiamo Francesca, ho 28 anni, ed oggi per la prima volta sono entrata in una scuola di pattinaggio. Avevo mandato una mail giorni fa, chiedendo se facessero corsi per adulti, e mi hanno risposto che per il momento la mia era l’ unica richiesta, ma che se non avevo problemi nell’ inserirmi con il corso delle bambine (12-15 anni) potevo iscrivermi senza problemi. Che dire, sul momento i problemi me li sono fatti, inutile dire il contrario….dove mi presento? So stare solo in equilibrio, so andare solamente dritta, di curve non ne parliamo proprio….insomma, non so fare molto…per di piu in mezzo a delle ragazzine, che vado a fare? Poi però ho letto la fine della mail “…vienici a trovare venerdi se ne hai voglia…” e…oggi sono andata….sono entrata, un pò imbarazzata, e ho conusciuto l’ insegnante. Stavano facendo lezione, c’ era la musica, sentivo l’ odore della pelle dei pattini….c’ era profumo di passione li dentro, e mi sono sentita viva. É da quando sono piccola che sogno di imparare a pattinare…ora é arrivato il momento di prendermi cio che mi rende felice, e cio che mi rende felice é imparare a volare. Inizio martedi, e sono eccitata come un bimbo in un negozio di giocattoli….e credo che se qualcosa riesce a farti sentire cosi, allora va fatta. A tutti i costi. Non é mai troppo tardi…non é mai troppo tardi per essere felice. Grazie, condividere pensieri felici fa bene all’ anima…buona vita!

  29. Fabiana says:

    Grazie per questo racconto. Ho 39 anni e ho iniziato a pattinare…beh si…solo da ieri. Un sogno troppo a lungo rimandato, un po’ per paura, un po’ per complessi di varia natura che solo ad una certa età riesci a vincere e superare. E allora perché non cominciare proprio ora che sono pronta ad affrontare le cadute, le mie paure, per realizzare i miei sogni? E’ proprio vero che l’età non conta, conta invece la volontà e credere che in fondo abbiamo una vita per essere ciò che vorremmo essere e che non dobbiamo porre limiti alla possibilità di realizzare tutto noi stessi.

  30. Giorgio says:

    Fabiana, mi raccomando torna presto e facci sapere come va!

  31. emanuela says:

    Ciao a tutti, sono Emanuela. Ricordo ancora quando chiesi a mia madre di comprarmi i pattini,non potevamo permetterci nulla,eppure mia madre me li acquistó,erano verde acqua,meravigliosi.I miei piedi diventarono 4 rotelle,pure in casa li tenevo. Insegnai a pattinare alle amiche,fino alle scuole medie li indossai,la mia adolescenza inizió appendendo al chiodo le mie passioni.
    Li regalai,ero grande. Adesso ho 33 anni,qualcuno dice che una passione puó ritornare a farti sentire vivo.Ho chiesto di recente a mia madre un ricordo ancora vivo in lei della mia infanzia,senza esitare ha detto: la tua caparbietà sui pattini,dopo essere caduta con le ginocchia insanguinate e i lacrimoni,io ti medicavo e tu ti rialzavi subito,ricalzavi i tuoi pattini e scendevi di nuovo per strada,piú decisa di prima.

  32. vale says:

    beh che dire…
    io da bambina ho pattinato per molti anni e a livello agonistico, sinceramente non ho mai avuto l’agonismo addosso e pian piano mi sono allontanata da questo sport…poi non ero per niente brava e sembrava invece importante esserlo, vedevo anche i miei genitori molto sconsolati, certe volte, perchè dovevo vincere ed invece io non vincevo un pò per incapacità e molto perchè per me il pattinaggio era il divertimento, io mi sentivo felice e libera e non potevo viverla solo come una gara tra bambine che venivano addirittura schiaffeggiate se in gara cadevano, che amarezza… ho sempre continuato a pattinare in linea ma i quad, l’artistico sono un altra cosa e ora ci riprovo, voglio ri iniziare a ben 38 anni. bacio a tutti

  33. Giorgio says:

    Ti prego dicci come va. Servono le testimonianze, servono tantissimo

  34. Federica says:

    Ciao, vorrei approfittare per chiedere un consiglio. Io ho 22 anni e non ho mai fatto sport che prevedono lunghi allenamenti e le mie capacità atletiche sono sotto zero, però so “pattinare” sul ghiaccio e in linea, tra virgolette perché ho una postura orribile e pattino un po’ come viene, non ho mai fatto nessun corso a riguardo e mi piacerebbe imparare ad andare con i pattini da artistico che mi hanno regalato. Ora il problema è che i pattini da artistico sono molto diversi da quelli in linea e fatico ad andare anche solo in avanti, inoltre nella mia regione non esistono corsi o società per il pattinaggio a rotelle (in Trentino o pattini sul ghiaccio o niente), quindi secondo voi è fattibile imparare da sola o mi conviene riporre i pattini a rotelle finché non mi trasferirò in una città un po’ più attrezzata?

Rispondi

Potrebbe interessarti: